Pagine statiche

sabato 18 gennaio 2014

San Josemaría - Per parlare con Dio - Amare Dio col cuore Amare Dio col cuore


San Josemaría - Per parlare con Dio - Amare Dio col cuore

Amare Dio col cuore


"Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente" (Mt 22, 37; Lc 10, 27). Quel che occorre per raggiungere la felicità non è una vita comoda, ma un cuore innamorato. Solco, 795

Con tutto il cuore, con il corpo e con l'anima Figli miei, bisogna amare Dio con tutta l'anima, con tutto il cuore, col corpo e con l'anima. Ripeto: che non manchi la grazia umana nel corrispondere alla grazia divina che riceviamo. Memoria del Beato Josemaría, 92

Il cuore della creatura, con la grazia di Dio, è capace di un amore immenso. Vale la pena essere fedeli! Non dimenticate che noi siamo degli innamorati; non siamo persone senza amore! Se non facciamo entrare Dio nelle nostre vite, completamente, come degli innamorati, non potremmo andare avanti. Non fate nulla senza provare una scintilla d'amore, anche se costa! Memoria del Beato Josemaría, 93

Amare è... non albergare che un solo pensiero, vivere per la persona amata, non appartenersi, essere felicemente e liberamente sottomesso, anima e cuore, a una volontà estranea... e, al tempo stesso, propria. Solco, 795



Vi sono cuori duri, ma nobili, che — avvicinandosi al calore del Cuore di Gesù — si sciolgono come il bronzo in lacrime di amore, di riparazione. Si infiammano! Invece, i tiepidi hanno il cuore di creta, di carne miserabile... e si sgretolano. Sono polvere. Fanno pena. Di' con me: Gesù nostro, lungi da noi la tiepidezza! Tiepidi, no! Forgia, 490

Qualcuno ha paragonato il cuore a un mulino, mosso dal vento dell’amore, della
passione... Effettivamente, questo «mulino» può macinare grano, biada, sterco... — Dipende da noi! Solco, 811

Quando si ama veramente, ci si dona con gioia, senza tenere il conto e senza cercare la gratitudine: l'anima si accontenta di aver avuto l'opportunità di spendersi volentieri. Non si sta a pensare se si è già fatto molto, o se costa: quando si ama Dio, non si bada agli ostacoli perché, al pari dell'amore umano, non vi sono difficoltà o difetti capaci di impedire la conversazione con una persona amata. Memoria del Beato Josemaría, 46

Non dubitarlo: il cuore è stato creato per amare. Mettiamo, dunque, nostro Signore Gesù Cristo in tutti i nostri amori. Altrimenti, il cuore vuoto si vendica, e si riempie delle bassezze più spregevoli. Solco, 800

Dio va amato con un cuore integro, donato, sapendo che il Signore si accontenta di questo nostro povero cuore se glielo doniamo davvero. Memoria del Beato Josemaría, 96

Innamorati dell'amore Siamo innamorati dell'Amore. Perciò il Signore non ci vuole aridi, rigidi, come una cosa senza vita: ci vuole imbevuti del suo affetto! Forgia, 492

Il Signore non aveva un cuore arido; aveva un cuore di una profondità infinita, capace di gratitudine, capace di amore. Memoria del Beato Josemaría, 97

Gesù ti farà nutrire un affetto grande per tutti coloro che frequenti, un affetto che non offuscherà affatto quello che hai per Lui. Al contrario: quanto più amerai Gesù, tanta più gente troverà posto nel tuo cuore. Forgia, 876

Bada bene: dobbiamo amare Dio non solo con il nostro cuore, ma con il «Suo», e con quello di tutta l’umanità di tutti i tempi...: altrimenti, non arriveremo mai a corrispondere al suo Amore. Solco, 809

Siamo persone impegnate dall'amore. Dobbiamo vivere una fedeltà costante e


sempre più esigente, anche quando siamo costretti a procedere controcorrente. Ci muoviamo alla presenza del Signore: Egli ci osserva continuamente e conosce i nostri più intimi desideri, scrutans corda (entrando nel cuore): nulla della nostra vita – a tal punto ci predilige – gli è ignoto. Per questo tanto spesso vi dico di donargli il cuore intero, quale giusta risposta alle sue premure. Memoria del Beato Josemaría, 159

Se davvero vuoi che il tuo cuore reagisca sicuramente, ti consiglio di metterti in una Piaga del Signore: così ne diverrai intimo, ti aggrapperai a Lui, sentirai palpitare il suo Cuore..., e lo seguirai in tutto ciò che ti vorrà chiedere. Forgia, 755

Grazie, Gesù mio!, perché hai voluto farti perfetto Uomo, con un Cuore amante e amabilissimo, che ama fino alla morte e soffre: che si riempie di gioia e di dolore; che si entusiasma per i cammini degli uomini, e ci mostra quello che conduce al Cielo; che si sottomette eroicamente al dovere, e si lascia condurre dalla misericordia; che veglia sui poveri e sui ricchi; che si prende cura dei peccatori e dei giusti... — Grazie, Gesù mio, e dacci un cuore a misura del Tuo! Solco, 813

Il cuore! Ogni tanto, senza poterlo evitare, si proietta un’ombra di luce umana, un ricordo gretto, triste, «provinciale»... — Ricorri subito al Tabernacolo, fisicamente o spiritualmente: e ritornerai alla luce, alla gioia, alla Vita. Solco, 817

Con l'aiuto della Madonna Non si può condurre una vita pura senza l'aiuto divino. Dio vuole la nostra umiltà, vuole che chiediamo il suo aiuto, attraverso la Madre nostra e sua. Devi dire alla Vergine, proprio adesso, nella solitudine piena di compagnia del tuo cuore, parlando senza rumore di parole: Madre mia, questo mio povero cuore qualche volta si ribella... Ma se tu mi aiuti... — E ti aiuterà, affinché tu lo custodisca puro e prosegua per il cammino a cui Dio ti ha chiamato: la Vergine ti aiuterà sempre a compiere la Volontà di Dio. Forgia, 315

Chiedete alla Madre benedetta del Cielo di purificare il vostro cuore, ed Ella riuscirà ad ottenerlo dal Padre. Gesù, custodisci il nostro cuore! Custodiscilo per te! Un cuore saldo, forte, robusto, tenero, affettuoso e delicato, pieno d'amore per Te, per i miei fratelli e per tutte le anime. Memoria del Beato Josemaría, 98



Un cuore che ama disordinatamente le cose della terra è come legato a una catena o a un “filo sottile”, che gli impedisce di volare verso Dio. Forgia, 486

Comprensione, carità effettiva. Quando l'avrai ottenuta davvero, avrai il cuore grande con tutti, senza discriminazioni, e vivrai — anche con coloro che ti hanno maltrattato — il consiglio di Gesù: “Venite a me voi tutti che siete affaticati..., e Io vi ristorerò”. Forgia, 867

Mettendo l’amore di Dio in mezzo all’amicizia, l’affetto si depura, si ingrandisce, si spiritualizza; perché si bruciano le scorie, i punti di vista egoistici, le considerazioni eccessivamente carnali. Non dimenticarlo: l’amore di Dio mette ordine nei nostri affetti, li rende più puri, senza diminuirli. Solco, 828

Chi non ricambierà amore per amore? Gesù crocifisso, con il cuore trafitto dall'amore per gli uomini, è una risposta eloquente — le parole sono superflue — alla domanda sul valore delle cose e delle persone. Gli uomini, la loro vita e la loro felicità, valgono tanto che lo stesso Figlio di Dio si dona loro per redimerli, purificarli, elevarli. Chi non amerà quel Cuore così ferito? si domandava un'anima contemplativa, davanti a questo spettacolo. E continuava: Chi non ricambierà amore per amore? Chi non abbraccerà un Cuore così puro? Noi, che siamo di carne, pagheremo amore con amore, abbracceremo il nostro ferito, al quale gli empi hanno trapassato mani e piedi, il costato e il Cuore. Chiediamogli che si degni di legare il nostro cuore con il vincolo del suo amore e di ferirlo con la lancia, perché è ancora duro e impenitente.

Sono pensieri, affetti, espressioni che da sempre le anime innamorate hanno rivolto a Gesù. Ma per intendere questo linguaggio, per capire veramente il cuore umano, il Cuore di Cristo e l'amore di Dio, occorrono fede e umiltà. Frutto di fede e di umiltà sono le parole universalmente famose che sant'Agostino ci ha lasciato: Ci hai creato, Signore, per te, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te. È Gesù che passa, 165

Il vostro cuore è un Tabernacolo in cui il Signore ha voluto trovare rifugio. Egli ci ama col suo infinito Amore, ci ama molto; e da parte nostra si aspetta amore e riparazione per le mancanze di corrispondenza nostre e di tutti gli uomini. Quando c'è veramente amore, non vi è grossolanità, ciò che è rozzo e sudicio presuppone l'assenza di amore.


Memoria del Beato Josemaría, 206