Pagine statiche

sabato 29 novembre 2014

Dal Vangelo secondo Marco - Mc 13, 33-37 - Vegliate: non sapete quando il padrone di casa ritornerà.



Mc 13, 33-37
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare.
Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati.
Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».

Parola del Signore

Riflessione

Parto dal presupposto che un vero cristiano dovrebbe vigilare sempre, 365 giorni all'anno, ma nel mese di dicembre il Signore ci mette la sveglia con l'allarme sempre inserito per non farci addormentare... per scuoterci... se per caso fossimo un poco rilassati. Ogni giorno ci sembra di fare le stesse cose: lavoro, casa, amici, divertimento, riposo... ma non è così, perchè ogni Santo giorno è sempre diverso; le persone che il buon Dio ci fa incontrare non sono mai le stesse... e anche il nostro comportamento è condizionato dai diversi incontri che facciamo. Evitiamo allora il classico lamento di fine giornata: "Che barba... che noia... sempre la stessa cosa... non c'è mai niente di nuovo...". Forse non è proprio così...
Che tristezza quando si arriva a questo stato di torpore, niente ci sorprende, niente ci stupisce... è quindi normale che dal nostro cuore non esca per ogni cosa un: “Grazie Gesù”.
Allora... SVEGLIA!!!
Dobbiamo provare a vivere questo avvento come Dio comanda... con tanta speranza, spalancando la porta del nostro cuore perché possa entrarvi una ventata di aria fresca e pulita.
Con l'inizio dell'Avvento la Chiesa presenta la parabola in cui Gesù ci esorta a stare attenti e vigili. E' un invito a vigilare sul nostro desiderio di incontrare il Signore. Dovremmo vivere questi momenti di attesa con gioia, una gioia che non sia posta in primo luogo nel decorare la casa... con l'alberello verde... con l'alberello bianco... con le lucette... per non parlare della corsa all'acquisto del solito regalo scontato e inutile, regalo che molte volte viene pure riciclato... Che brutto!!!
Se dunque qualcuno di noi si era un pochetto assopito, ecco che è arrivato il momento giusto per risvegliarci e prepararci all'incontro con Gesù nostro che, come sappiamo bene, non conosciamo né il giorno né l'ora in cui arriverà; ma proprio a causa di questa incertezza si potrà distinguere chi avrà fatto il possibile per rimanere sveglio e chi no, solo i primi avranno dimostrato di amarlo veramente. Viviamo allora ogni giorno come se fosse l'ultimo, sempre pronti, con le fiaccole accese...
Ma oggi il mondo è molto occupato e preoccupato per altre cose, e insiste a voler vivere come se Dio non esistesse... ma un un bel giorno, “Qualcuno”, ci chiederà conto di tutto, e allora? Che ne sarà di noi? Meglio pensarci prima che sia troppo tardi...
Proviamo a fermarci un attimo... proviamo a fare silenzio... proviamo a fare una sorta di revisione del bilancio della nostra anima... proviamo a pensare all'anno appena trascorso... Questo servirà a farci capire quanto siamo insensibili per le cose di Dio... servirà a farci capire le nostre mancanze, le nostre miserie, la nostra povertà, la nostra impotenza, il non senso della nostra vita, la nostra infelicità... ma anche il nostro desiderio di felicità, il nostro desiderio di senso, il nostro desiderio di vita... c'è forse un modo migliore di prepararsi al natale se non desiderare un salvatore, se non desiderare Gesù!!!...
Penso anche a tutto il baccano che, nonostante la crisi, affligge le nostre città in questo periodo. Gesù??? Chi è??? Chi lo vuole???... I centri commerciali stracolmi fanno invidia all'invasione delle cavallette in Egitto... musica natalizia di ogni genere, bambini che strillano per la macchinetta, la bambola, il giocattolo di ultima generazione di cui non si può fare a meno... Babbi Natale di ogni sesso – anche in questo non c'è più rispetto – che invitano i bimbi a farsi una foto sulle loro ginocchia. Insomma, una confusione megagalattica... ma alla fine è come vivere in un mondo illusorio che ci lascia presto vuoti, come presto si è svuotato il nostro portafoglio. E così, dopo qualche momento di felicità apparente, puntuale come un treno svizzero arriva la delusione, l'amaro in bocca, la depressione...!!!
Allora mi domando: "Che senso ha farsi condizionare dalla pubblicità, dalla moda, dal 'così fan tutti'... e correre dietro a vanità che durano un istante? Perché non cercare di più e di meglio?... Perché accontentarci di un solo attimo?"... Gesù ci vuole dare la felicità eterna!!!
Proviamo allora a cercare di sapere dov'è la fonte di questa gioia... se noi faremo un passo verso la Fonte, la Fonte ne farà dieci verso di noi... e inizierà un'avventura in cui non mancheranno certo le sorprese...
Vigilare significa anche discernere... Se noi vigiliamo infatti, ci sarà dato di distinguere la luce dalle tenebre... se vigiliamo saremo saggi nelle decisioni importanti e prudenti in quelle difficili... se vigiliamo non ci lasceremo prendere dal panico nell'ora della prova... se vigiliamo eviteremo di cadere nelle trappole del demonio che, come sappiamo, è sempre in agguato. Non vigilare nella vita cristiana è come andare in cantina senza accendere la luce... non possiamo poi pretendere di non fracassarci la testa.
Chiediamo allora al buon Dio di aumentare la nostra fede per vivere questa attesa col giusto fervore, contageremo così le persone a noi vicine.
Per quanto mi riguarda, chiedo perdono al mio Gesù di tutte quelle volte che con le mie debolezze, le mie mancanze, i miei peccati, ho contribuito a diffondere nebbia intorno a me. Lo ringrazio però di tutte quelle volte che mi ha aiutato a essere luce per qualcuno. Grazie Gesù per questo anno che hai voluto trascorrere con me... e, anche se è stato un anno difficile, non mi hai abbandonata un attimo, mi hai sempre riempito e soccorso con le Tue grazie. Grazie sopratutto per l'angelo che mi hai mandato a settembre 2013, mi ha sostenuto nei momenti duri e mi ha aiutato a non lasciar spegnere la fiammella della fede. E poi, come non ringraziarti per il regalo anticipato che mi hai fatto per questo natale? Portando infatti le mie gambe fino alla Chiesa del Carmelo mi hai fatto un dono: non speciale, ma specialissimo. Grazie Gesù... e che Tu possa nascere in tanti cuori come sei nato nel mio!!!
Pace e bene