Pagine statiche

martedì 26 novembre 2013

Come nei romanzi gialli - Riflessione di Eugenio Pramotton

Come nei romanzi gialli …

Riflessione di Eugenio Pramotton


Di solito i romanzi gialli hanno il seguente andamento: una serie notevole di indizi si concentra su una persona, e così gran parte di chi è coinvolto nella vicenda ritiene di individuare in essa l'autore del delitto. Ma vi è anche chi ha il presentimento che il colpevole o l'assassino deve essere qualcun altro. E in effetti, dopo attenta ricerca, si scopre che l'assassino è sempre qualcuno a cui meno di altri si sarebbe pensato.
Qualcosa di analogo accade nella ricerca della felicità.
Una serie notevole di indizi sembra indicarla inequivocabilmente presente in ciò che subito appaga, gratifica, emoziona, da gloria, splendore e gusto alla nostra vita. Quanti, sedotti dalle apparenze e senza troppo riflettere, si lanciano su questa via sperando di raggiungerla, rimarranno delusi. Come chi costruisce sulla sabbia o come chi vuol dar gusto agli alimenti con un sale insipido. Chi invece non si lascia sedurre dalle apparenze e si impegna in una ricerca più attenta e approfondita, sarà condotto su una via che si inoltra per luoghi e contrade che mai avrebbe pensato di percorrere.
Un esempio tipico di questo percorso ci è mostrato nella storia di Abramo a cui Dio dice: Vattene dal tuo paese, dalla tua patria, e dalla casa di tuo padre - ossia dal luogo dove tutti sperano di trovare la felicità - verso il paese che io ti indicherò... (Gn 12, 1). E ancora con altre immagini: La pietra scartata dai costruttori è diventata testata d'angolo, ecco l'opera del Signore: una meraviglia ai nostri occhi (Sal 117, 22-23). Stretta è la porta e angusta la via che conduce alla vita e quanto pochi sono quelli che la trovano (Mt 7, 14). Come a dire: "La via scartata dai più, è l'unica via che conduce davvero, lì dov'è possibile trovare ciò che il nostro cuore cerca".

Eugenio Pramotton dal sito http://www.medvan.it/