Pagine statiche

giovedì 27 febbraio 2014

LA MISERICORDIA E LA BENEFICENZA SONO AMICHE DI DIO San Gregorio di Nissa

 LA MISERICORDIA E LA BENEFICENZA SONO AMICHE DI DIO
      San Gregorio di Nissa *
Gregorio, vescovo di Nissa (335-394), è fratello di S. Basilio, che egli considera sempre come suo maestro, per quanto gli sia superiore per profondità e originalità teologica. Poeta e mistico, è anche il pensatore più vigoroso e più brillante dei Padri greci del IV secolo. Le sue doti intellettuali non gli impedivano, di essere molto umano e attento ai bisogni dei suoi fratelli. Lo spirito evangelico di questo vescovo ne fece il grande difensore dei poveri.

Per quanto ogni parola della Scrittura ci educhi a divenire simili al nostro Signore e Creatore, nella misura in cui è possibile ad un essere mortale imitare Dio sommamente beato, noi tuttavia facciamo sempre tornare ogni cosa a nostro personale vantaggio e quello che non tratteniamo per le necessità della nostra vita lo riponiamo in serbo per i nostri eredi. Non si fa nessun conto degli sventurati, non ci si dà minimamente pensiero, con un briciolo d'amore, dei poveri. O gente incapace di misericordia!
Se qualcuno vede un altro privo di pane, che manca perfino della razione di cibo indispensabile alla vita, non corre subito in suo aiuto con generosità, non gli tende la salvezza, ma lo sta a guardare da lontano, come si guarda un albero dai rami fiorenti, che avvizzisce miseramente per mancanza di acqua. E tutto questo avviene quando egli personalmente possiede dei beni materiali sovrabbondanti e quando sarebbe in grado di far rifluire, a vantaggio di molti, il soccorso delle sue ricchezze. Il flusso di una sorgente irriga molte distese campestri che le si aprono attorno: allo stesso modo, l'agiatezza economica di una casa potrebbe essere sufficiente per salvare folle di poveri: a, patto però che non si sia preoccupati soltanto di sé o si rifiuti di mettere in comune i propri beni, come pietre, che, cadute nello sbocco di una sorgente, ne ostruiscono il fluire delle acque. Non viviamo soltanto secondo la carne: viviamo un po' anche per Dio... La misericordia e la beneficenza sono opere gradite a Dio. Quando tali virtù abitano in un uomo, lo divinizzano; imprimono in lui la somiglianza perfetta del bene, perché sia immagine dell'Essenza prima, santa e superiore ad ogni intelligenza...
Perciò voi tutti, che siete stati creati esseri ragionevoli e possedete l'intelligenza, maestra e interprete delle realtà divine, non lasciatevi sedurre dalle realtà effimere. Cercate di acquistarvi ciò che non delude mai chi ne entra in possesso. Segnatevi dei limiti nell'uso dei beni della vita. Non tutto è vostro: fatene parte coni poveri, i prediletti di Dio. Tutto è di Dio, il nostro Padre comune. E noi siamo fratelli, perché abbiamo la stessa origine. Per dei fratelli, la cosa migliore e più equa è avere in sorte la loro eredità secondo parti uguali. Ma se, in una suddivisione ingiusta, uno o due usurpano la porzione migliore, gli altri, almeno, ne ricevano una parte. Se qualcuno poi volesse assolutamente essere padrone di tutto, escludendo i fratelli anche dalla terza o quinta parte, questi sarebbe un crudele tiranno, un barbaro intrattabile, una bestia insaziabile...
Serviti perciò dei beni materiali, ma non abusarne.
* Peri philoptokhias kai eupoiias