Pagine statiche

sabato 14 giugno 2014

Beata Francisca de Paula De Jesus (nhà Chica) Laica


  1810 - 14 giugno 1895

La Venerabile Francisca de Paula de Jesus, detta comunemente Nhà Chica (zia Francesca), è nata nel 1808 a São João del Rey nello Stato di Minas Gerais in Brasile. Ebbe il nome di s. Francesco di Paola, il santo taumaturgo fondatore dell’Ordine dei Minimi, molto venerato dagli schiavi nel sud America in particolare nel Minas Gerais. Non aveva cognome perché figlia naturale di Izabel Maria, una schiava, e di padre sconosciuto, probabilmente il padrone della fazenda.
Dalla madre apprese le preghiere e le devozioni ma, essendo donna e schiava, non poté ricevere alcuna istruzione scolastica. Da adulta non avvertì mai la necessità di imparare a leggere, però, come ebbe a confessare al dr. Henrique Monat quasi al termine della sua esistenza: “desiderai solamente ascoltare la lettura delle Sacre Scritture; qualcuno mi fece questo favore e rimasi soddisfatta”.
Francisca de Paula, nel 1821, affrancata dalla schiavitù, si trasferì con la madre e Theotonio Pereira do Amaral, fratello per parte di madre, a Baependi, una città in pieno sviluppo, dove, pochi mesi dopo, rimase orfana.
In punto di morte la madre le raccomandò di condurre una vita ritirata, per praticare meglio la carità e conservare la fede cristiana. Così, pur avendo molte richieste di matrimonio, le rifiutò ritenendo di avere una missione da compiere, tuttavia non si mostrò mai contrariata con i pretendenti, anzi si dichiarava grata per le buone intenzioni dimostrate nei suoi confronti.
Volendo seguire il consiglio della madre rimase a vivere da sola in una casetta su una collina ai limiti dell’abitato di Baependi per dedicarsi alla preghiera e alla cura dei poveri, rinunciando di andare a vivere insieme con il fratello, diventato tenente della Guardia Nazionale, quindi Consigliere comunale, dedito al commercio.

Francisca de Paula, pertanto, scelse sin dalla prima giovinezza una vita di povertà: vivere in preghiera, povera tra poveri. Lo zelo verso il Signore la spinse ad organizzare incontri di preghiera quotidiana e settimanale tra la gente del quartiere circostante, ad offrire un pranzo settimanale per i poveri, ad elargire elemosine per i bisognosi. Divenne così ben presto l’umile “madre dei poveri”, come veniva chiamata, pronta ad accogliere chi si avvicinava a lei per chiedere preghiere, consigli, consolazione e conforto.
Solo la fede la portò a rinunciare ad una vita agiata e senza problemi per il bene dei fratelli. Costituì una vera lampada posta sul candelabro. Infatti, pur essendo ex schiava e discendente di schiavi, ha attratto a sé persone di ogni razza e tendenza politica. Segno che si vedeva in lei la donna di Dio, piena di fede e di carità.
La sua casa per ben settantacinque anni fu un luogo frequentato da persone semplici e Consiglieri imperiali, giovani e professionisti di grido, poveri e ricchi, provenienti non solo dal Minas Gerais, ma anche dal vicino Stato di São Paulo e soprattutto dalla capitale di allora, Rio de Janeiro. Molti cittadini che andavano a “passare le acque” nel vicino centro di Caxambu, si recavano da lei dapprima spinti dalla curiosità per poi finire a chiedere preghiere e consigli. Ed Ella aveva una risposta per tutti, senza credersi una profetessa ma, come ebbe a dire: “Rispetto ciò che mi dice la Madonna e niente più”.
Chiamava la SS.ma Vergine “Minha Sinhá” (la mia Signora) e confessava candidamente: “Io prego e la Madonna mi ascolta, mi risponde”, oppure “è lo Spirito che mi ispira”. Fu proprio in questo contesto che la Madonna le chiese la costruzione di una cappella in suo onore.
Il fratello, deceduto nel 1862, la designò sua erede universale. Con la cospicua eredità poté incrementare le attività caritative e sociali, provvedendo anche alla costruzione della cappella, dedicata all’Immacolata Concezione di Maria. Grande è stata la sua capacità di coinvolgere in quest’impresa tutte le persone che la frequentavano. 
L’8 luglio 1888 sentì l’esigenza di spogliarsi di tutto quel che possedeva in qualità di ereditiera, dettando il testamento in cui lasciò i suoi beni alla Parrocchia. Tenne a dare le indicazioni necessarie su tutto quel che dovesse essere venduto e dato ai poveri, e perfino su come dovesse svolgersi il suo funerale e quante messe dovessero essere celebrate in suffragio suo e dei suoi cari. Il suo abito di “nobiltà” doveva essere dato ad una ragazza povera per le sue nozze.
Quella che per tutti era ed è Nhà Chica morì il 14 giugno 1895. Il suo corpo fu tenuto esposto per ben quattro giorni, senza che desse il minimo segno di decomposizione, si permise così ai numerosi fedeli, accorsi da ogni dove, di darle l’estremo saluto. Esposta per le esequie nella Chiesa Matrice di Baependi, fu quindi portata a spalla da un gruppo di ragazze alla Cappella da lei costruita, dove fu tumulata. Nel 1999 si effettuò la ricognizione canonica e i resti mortali furono sistemati sempre nel medesimo luogo in un sarcofago di granito.
La spiritualità della Venerabile ha avuto una connotazione profondamente evangelica, perché si è basata unicamente sull’amore di Dio e del prossimo, manifestato nel modo più semplice e naturale, perché non ha avuto alcuna matrice dotta o speculativa.
Il processo per la sua beatificazione, iniziato quasi 100 anni dopo, nel 2011 ha raggiunto una tappa importante con il riconoscimento delle virtù eroiche, mentre parallelamente si sta procedendo all’esame di uno dei tanti “miracoli” attribuiti alla sua intercessione per cui c’è da credere che molto presto si possa venerare sugli altari Francisca de Paula de Jesus, detta “nhà Chica”.
Il 4 maggio 2013 Nha' Chica è stata beatificata a Baependi con rito presieduto dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, in rappresentanza del papa.